NEWS - Centro Studio Pennino

CSSP Centro Servizi Studio Pennino
Logo Ufficiale CSP
CSP Centro Servizi Studio Pennino
CSP Centro Servizi Studio Pennino
CSP Centro Servizi Studio Pennino
Logo Ufficiale Centro Studio Pennino
Logo Ufficiale Centro Studio Pennino
Logo Ufficiale Centro Studio Pennino
Logo Ufficiale Centro Studio Pennino
CSP CENTRO SERVIZI STUDIO PENNINO
CSP CENTRO SERVIZI STUDIO PENNINO
CSP CENTRO SERVIZI STUDIO PENNINO
Vai ai contenuti
NEWS - TUTTO QUELLO CHE PUO' SERVIRE AL CONDOMINIO AD UN AMMINISTRATORE
Chiccando sulle immagini delle new potrai scaricarti i file in formato pdf che vi aiuteranno nel lavoro di Amministratore di Condominio.


NEWS - AMMINISTRATORI
bollette Acea schizzate con cifre a tre zeri per maxi conguagli, che comprendono anche i mesi del lockdown, gravati
dall'applicazione retroattiva della nuova tariffa, in vigore da maggio. Così, in piena emergenza economica legata
al coronavirus, consumatori e amministratori di condominio fanno i conti, amari, con l'aumento del costo dell'acqua.
NEWS - AMMINISTRATORI
l Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il dpcm che introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.

Di seguito il testo del Dpcm.

*****

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19» e, in particolare, l’articolo 3;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23 febbraio 2020, recante “Disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 23 febbraio 2020;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 febbraio 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 47 del 25 febbraio 2020;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 1° marzo 2020;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 4 marzo 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 55 del 4 marzo 2020;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 59 dell’8 marzo 2020;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 9 marzo 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19”, applicabili sull'intero territorio nazionale pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.62 del 9 marzo 2020;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale” pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.64 del 11 marzo 2020”;

Vista l’ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020 recante “ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale” pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 73 del 20 marzo 2020;

Vista l’ordinanza del Ministro dell’interno e del Ministro della salute del 22 marzo 2020 recante “ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da CO-VID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale”;

Considerato che l’Organizzazione mondiale della sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l’epidemia da COVID-19 un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale;

Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

Considerati l'evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e l'incremento dei casi sul territorio nazionale;

Ritenuto necessario adottare, sull’intero territorio nazionale, ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19;

Considerato, inoltre, che le dimensioni sovranazionali del fenomeno epidemico e l’interessamento di più ambiti sul territorio nazionale rendono necessarie misure volte a garantire uniformità nell’attuazione dei programmi di profilassi elaborati in sede internazionale ed europea;

Tenuto conto delle indicazioni del Comitato tecnico scientifico di cui all’art. 2 dell'ordinanza del Capo del dipartimento della protezione civile in data 3 febbraio 2020, n. 630, nelle sedute del 28 febbraio 2020 e del 1° marzo 2020;

Su proposta del Ministro della salute, sentiti i Ministri dell'interno, della difesa, dell'economia e delle finanze, nonché i Ministri delle infrastrutture e dei trasporti, dello sviluppo economico, delle politiche agricole alimentari e forestali, dei beni e delle attività culturali e del turismo, del lavoro e delle politiche sociali, per la pubblica amministrazione, e per gli affari regionali e le autonomie, nonché sentito il Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni;

DECRETA:

ART. 1
(Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale)

1. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, sull’intero territorio nazionale sono adottate le seguenti misure:

a) sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell’allegato 1 e salvo quanto di seguito disposto. Le attività professionali non sono sospese e restano ferme le previsioni di cui all’articolo 1, punto 7, decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020. Per le pubbliche amministrazioni resta fermo quanto previsto dall’articolo 87 del decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18. Resta fermo, per le attività commerciali, quanto disposto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020 e dall’ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020. L’elenco dei codici di cui all’allegato 1 può essere modificato con decreto del Ministro dello sviluppo economico, sentito il Ministro dell’economia e delle finanze;
b) è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; conseguentemente all’articolo 1, comma 1, lettera a), del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 le parole “. E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza” sono soppresse;
c) le attività produttive che sarebbero sospese ai sensi della lettera a) possono comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile;
d) restano sempre consentite anche le attività che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all’allegato 1, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali di cui alla lettera e), previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva, nella quale sono indicate specificamente le imprese e le amministrazioni beneficiarie dei prodotti e servizi attinenti alle attività consentite; il Prefetto può sospendere le predette attività qualora ritenga che non sussistano le condizioni di cui al periodo precedente. Fino all’adozione dei provvedimenti di sospensione dell’attività, essa è legittimamente esercitata sulla base della comunicazione resa;
e) sono comunque consentite le attività che erogano servizi di pubblica utilità, nonché servizi essenziali di cui alla legge 12 giugno 1990, n. 146. Resta tuttavia ferma la sospensione del servizio di apertura al pubblico di musei e altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice beni culturali, nonché dei servizi che riguardano l’istruzione ove non erogati a distanza o in modalità da remoto nei limiti attualmente consentiti;
f) è sempre consentita l’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici nonché di prodotti agricoli e alimentari. Resta altresì consentita ogni attività comunque funzionale a fronteggiare l’emergenza;
g) sono consentite le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva, dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti. Il Prefetto può sospendere le predette attività qualora ritenga che non sussistano le condizioni di cui al periodo precedente. Fino all’adozione dei provvedimenti di sospensione dell’attività, essa è legittimamente esercitata sulla base della dichiarazione resa. In ogni caso, non è soggetta a comunicazione l’attività dei predetti impianti finalizzata a garantire l'erogazione di un servizio pubblico essenziale;
h) sono consentite le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale, previa autorizzazione del Prefetto della provincia ove sono ubicate le attività produttive.
2. Il Prefetto informa delle comunicazioni ricevute e dei provvedimenti emessi il Presidente della regione o della Provincia autonoma, il Ministro dell’interno, il Ministro dello sviluppo economico, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e le forze di polizia.

3. Le imprese le cui attività non sono sospese rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali.

4. Le imprese le cui attività sono sospese per effetto del presente decreto completano le attività necessarie alla sospensione entro il 25 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza.

Art. 2.
(Disposizioni finali)

1. Le disposizioni del presente decreto producono effetto dalla data del 23 marzo 2020 e sono efficaci fino al 3 aprile 2020. Le stesse si applicano, cumulativamente a quelle di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 marzo 2020 nonché a quelle previste dall’ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020 i cui termini di efficacia, già fissati al 25 marzo 2020, sono entrambi prorogati al 3 aprile 2020.

2. Le disposizioni del presente decreto si applicano alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento e di Bolzano compatibilmente con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione.

Roma, 22 MARZO 2020
NEWS - AMMINISTRATORI
Se hai il contatore tradizionale:
ti basterà comunicare il numero che visualizzi. Devi indicare tutte le cifre ad eccezione degli «0» iniziali e dei numeri dopo la virgola o nelle caselle rosse.
NEWS - AMMINISTRATORI
Bonus fi confermati nelle mi- sure attuali anche nel 2019. Non ci sono scali sulla casa
solo novità quali la flat tax per le lezioni private degli insegnanti, la cedolare secca
sugli affitti commerciali o la tassa sulla pesca sportiva nella legge di bilancio. La
manovra proroga e ripropone diversi istituti che ormai costituiscono una presenza fissa dei provvedimenti finanziari di fine anno: da quelli più consolidati, quali
le detrazioni per gli interventi di riqualificazione sugli immobili o la rivalutazione
di quote e terreni detenuti da persone fisiche, a quelli più recenti, quali lo sport bonus
e il bonus verde. Nell’ultima bozza del ddl sembrerebbe per il momento esclusa, invece, la riconferma del sisma bonus, l’incentivo per l’adozione di misure antisismiche sugli edifici.
Disponibilità immediata
NEWS - AMMINISTRATORI
Si tratta di un progetto che ha l'obiettivo di colmare una grave lacuna legislativa,
poiché, in tema di molestie olfattive, le norme vigenti sono carenti di Gabriella Lax - «Ce la faremo a ripristinare un diritto sacrosanto, quello al respiro. Un progetto di legge contro odori e molestie olfattive. A pensarci è stata Ilaria Fontana, portavoce M5S e membro della Commissione Ambiente, a margine del convegno "Qualità della vita e
molestie olfattive: proposte per la gestione del problema",
NEWS - AMMINISTRATORI
l'attività resta chiuso fino al 04/04/2020
NEWS - AMMINISTRATORI
Con delibera n° 6/10 del 14 dicembre 2010 la Conferenza dei sindaci ha approvato la nuova articolazione tariffaria Ato 2 Lazio Centrale – Roma che prevede finalmente l’abolizione del minimo contrattuale impegnato dal 01/01/2011.
Nel nuovo regolamento di attuazione l’utenza domestica è considerata quella che distribuisce acqua per uso alimentare, per i servizi igienici e per gli altri impieghi di natura idropotabile effettuati all’interno di unità abitative. In particolare è definita l’utenza condominiale domestica e mista (unico contatore che distribuisce acqua a più unità immobiliari a solo uso abitativo o anche commerciale)
NEWS - AMMINISTRATORI
DISPOSIZIONI PER I FORNITORI-MANUTENTORI CHE ACCEDONO ALLE AREE-IMPIANTI CONDOMINIALI.
NEWS - AMMINISTRATORI
Chi è tenuto ad adempiere agli obblighi di sicurezza che gravano sul condominio?
Il Ministero del lavoro e della previdenza sociale ha chiarito che il datore di lavoro nei condomini,
ai fini dell’applicazione degli obblighi attualmente previsti, va individuato nella persona
dell’amministratore condominiale protempore.
NEWS - AMMINISTRATORI
Sono agevolabili "gli interventi di sostituzione integrale o parziale di impianti di climatizzazione
invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, con impianti a pompa di calore ad alta
efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia". La domanda sorge spontanea: per accedere
alla detrazione, basta sostituire una parte qualsiasi dell'impianto (come ad esempio i soli radiatori)
oppure almeno la caldaia?
NEWS - AMMINISTRATORI
LE AMMINISTRAZIONI FISCALI DEVONO CAMBIARE VESTE PASSANDO DA
«CONTROLLORI» A «CONOSCITORI». PER ATTIVARE IL CAMBIAMENTO LE
AMMINISTRAZIONI DEVONO ACQUISIRE I DATI DELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI
RILEVANTI AI FINI IVA IN TEMPO REALE
NEWS - AMMINISTRATORI
Nell’ambito dei lavori di recupero del patrimonio edilizio rientrano tra le spese detraibili
anche quelle sostenute per realizzare interventi antisismici, con particolare riguardo
all’esecuzione delle opere per la messa in sicurezza statica degli edifici.
L’articolo 16-bis, comma 1, lettera i) del Tuir (Testo unico delle imposte sui redditi)
prevede per questi interventi una detrazione del 36%, da ripartire in 10 quote annuali,
su un importo massimo di spesa di 48.000 euro. Fino al 31 dicembre 2019, salvo che
non intervenga una nuova proroga, questa percentuale è stata elevata al 50% e la
spesa massima a 96.000 euro.
NEWS - AMMINISTRATORI
I BENI IMMOBILI CONFERITI NEL TRUST E L’ESCUZIONE SUGLI STESSI
NOZIONI GENERALI
Il TRUST è uno strumento giuridico che, nell'interesse di uno o più beneficiari o
per uno specifico scopo, permette di strutturare in vario modo "posizioni
giuridiche" basate su legami fiduciari. Non esiste un rigido ed unitario modello di trust, ma tanti possibili schemi che è possibile costruire in vista di una finalità ultima da raggiungere.
NEWS - AMMINISTRATORI
NEWS - AMMINISTRATORI
Sommario: 1. Premessa; 2. Obblighi del committente nei lavori privati; 2.1 Affidamento dei lavori ai soli “autonomi”; 2.2 Affidamento ad imprese appaltatrici o a lavoratori “autonomi” dei lavori da svolgere all'interno degli impianti ed unità produttive del committente; 2.3 Lavori in economia del committente con personale dipendente nella propria abitazione o cantiere; 2.4. Lavori che richiedono l’affidamento ad una o più ditte esecutrice dei lavori: casistica; 3. Recenti modifiche normative al Testo Unico sulla Sicurezza; 4. Attività dell'amministratore di condominio quale datore di Lavoro/committente con le modifiche apportate dal Dlgs 69/13 convertito in legge 98/2013; 4.1 La modifica introdotta dal Dlgs 69/13 convertito in L. 98/2013 in relazione all'obbligo della relazione del DUVRI (comma 3, art. 26 del Dlgs 81/2008 e ss.mm.ii.);4.2 La Modifica introdotta dal Dlgs 69/13 convertito in L. 98/2013 all'art. 88 del Dlgs 81/2008 e ss.mm.ii.
NEWS - AMMINISTRATORI
NEWS - AMMINISTRATORI
La presente guida illustra le funzionalità della procedura informatica, accessibile dall’area autenticata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate, con la quale i soggetti cessionari dei crediti ECOBONUS e SISMABONUS, di cui ai provvedimenti del 28 agosto 2017 e dell’8 giugno 2017, possono accettare/rifiutare i crediti ceduti da altri soggetti ed eventualmente comunicare all’Agenzia delle Entrate l’ulteriore cessione del credito ricevuto. La procedura potrà essere estesa ad altre fattispecie compatibili con le sue funzionalità.
NEWS - AMMINISTRATORI
Premessa
Obiettivo dei Quaderni Tecnici è accrescere il livello di sicurezza nei cantieri temporanei
o mobili. Forniscono informative basate su leggi, circolari, norme tecniche specifiche
e linee guida utili a individuare e perfezionare metodologie operative per il miglioramento delle misure di prevenzione contro i rischi professionali.
i Quaderni sono rivolti a coloro che operano nell’ambito dei cantieri temporanei o mobili rappresentando un agile strumento sia per l’informazione e la formazione dei lavoratori sia per il miglioramento dell’organizzazione delle piccole e medie imprese.
NEWS - AMMINISTRATORI
è possibile pagare le spese condominiali a rate?

Si badi: non stiamo parlando della normale periodicità dei ratei per la gestione dei beni comuni, ma di un'ulteriore rateizzazione richiesta da alcuni condomini a fronte di una particolare situazione di difficoltà economica.

Cerchiamo di capire che cosa è possibile fare ed in che modo. Partiamo dal presupposto forse più duro da digerire: davanti al condominio un condomino non è mai senza possibilità di pagare perché, male che vada (ossia in caso d'azione legale), è sempre possibile chiedere il pignoramento dell'appartamento.


Fonte: https://www.condominioweb.com/pagare-a-rate-le-spese-condominiali.11293
NEWS - AMMINISTRATORI
NEWS - AMMINISTRATORI
Il problema del recupero crediti nei condomini e, in particolare, nei confronti dei proprietari che non vogliono pagare gli oneri all’amministratore è forse una delle principali ragioni che porta le assemblee a dibattere più aspramente. Le contestazioni vengono sollevate tanto nei confronti dell’amministratore (spesso additato come responsabile della situazione debitoria, per via dell’inerzia nell’attività di recupero crediti), tanto nei confronti di chi utilizza (a volte strumentalmente) il ricatto dell’omissione dei pagamenti per ottenere benefici di altri tipi (per esempio, la revisione delle tabelle millesimali, il consenso a utilizzare alcune aree comuni per scopi privati, ecc.).
NEWS - AMMINISTRATORI
Obiettivo dei Quaderni Tecnici è accrescere il livello di sicurezza nei cantieri temporanei
o mobili. Forniscono informative basate su leggi, circolari, norme tecniche specifiche
e linee guida utili a individuare e perfezionare metodologie operative per il miglioramento delle misure di prevenzione contro i rischi professionali.
NEWS - AMMINISTRATORI
Novità in questa versione:
 DECRETO INTERMINISTERIALE 4 marzo 2013: Criteri generali di sicurezza relativi alle procedure di revisione, integrazione e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgono in presenza di traffico veicolare
 DECRETO INTERMINISTERIALE 6 marzo 2013: Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro
 Circolare n. 9/2013 del 05/03/2013: Oggetto: D.M. 11 aprile 2011 concernente la “Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’All. VII del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nonché i criteri per l’abilitazione dei soggetti di cui all’articolo 71, comma 13, del medesimo decreto legislativo” – Chiarimenti........
NEWS - AMMINISTRATORI
Premessa
La Legge di Bilancio 2018, per consentire il monitoraggio e la valutazione del risparmio energetico
ottenuto grazie alla realizzazione degli interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio
energetico e/o l’utilizzo delle fonti rinnovabili di energia e che accedono alle detrazioni fiscali
perviste per le ristrutturazioni edilizie, ha introdotto l’obbligo di trasmettere all’ENEA1 le
informazioni sui lavori effettuati, analogamente a quanto già previsto per le detrazioni fiscali per
gli interventi di riqualificazione energetica (Ecobonus).
A tal fine l’ENEA, d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico e con l’Agenzia delle Entrate,
ha realizzato un sito web dedicato, rivolto agli utenti per la trasmissione dei dati relativi agli
interventi soggetti all’obbligo (v. paragrafo 2)
NEWS - AMMINISTRATORI
Le funzioni operative dell'Agenzia delle Entrate sono svolte dalle:
Direzione Provinciale I di ROMA articolata in un Ufficio Controlli, un Ufficio Legale e negli uffici territoriali di ROMA - Rimborsi Iva, ROMA 1 - TRASTEVERE, ROMA 2 - AURELIO, ROMA 3 - SETTEBAGNI

Direzione Provinciale II di ROMA articolata in un Ufficio Controlli, un Ufficio Legale e negli uffici territoriali di CIVITAVECCHIA, POMEZIA, ROMA - Rimborsi Iva, ROMA 5 - TUSCOLANO, ROMA 6 - EUR TORRINO, ROMA 7 - ACILIA

Direzione Provinciale III di ROMA articolata in un Ufficio Controlli, un Ufficio Legale e negli uffici territoriali di ALBANO LAZIALE, FRASCATI, PALESTRINA, ROMA - Rimborsi Iva, ROMA 4 - COLLATINO, TIVOLI, VELLETRI
NEWS - AMMINISTRATORI
All'interno del condominio convivono beni di proprietà esclusiva dei singoli condomini e beni comuni. Se da un lato il proprietario ha tendenzialmente il diritto di utilizzare come ritiene i beni di sua esclusiva proprietà, l'utilizzo dei beni comuni è regolato dalle norme del regolamento di condominio. La legge disciplina poi gli interventi realizzati sui beni comuni da parte di un solo condomino per l'installazione di impianti di ricezione e di produzione di energia da fonti rinnovabili.
Torna ai contenuti